Parabiago 3.0

Implementazione del sistema

Cibo del corpo, degli occhi e dell'anima

Percorsi culturali 3.0

Cibo...Un progetto che prevede la creazione di nuovi percorsi tematici ed etnografici di visita per implementare il sistema “Parabiago 3.0 - Percorrere, fruire, condividere il patrimonio culturale.

Pagina dedicata

Inaugurazione del sistema

Percorre, fruire, condividere

Il patrimonio culturale sul tuo smartphone

Visita l'ecomuseoL'inaugurazione del sistema è avvenuta il 28 marzo 2014 in Piazza Maggiolini, con la partecipazione del parter tecnico Follow Me Technology srl di Parabiago.

E' possibile accedere ai contenuti multimediali di Parabiago 3.0 tramite:

1. QR code (codici a barre bidimensionali) scaricando gratuitamente un'applicazione quale I-nigma per Iphone e QR Droid per Android e Iphone.

2. microchip RFID (sistema di lettura che utilizza la radiofrequenza).

Per gli ipovedenti sono disponibili due applicazioni che leggono ad alta voce le informazioni relative al luogo visitato, una (funzionante con tutti gli smartphone) legge i QR code ad alta voce, l'altra (solo per gli smartphone abilitati) legge i microchip RFID. 

Brochure informativa

Modalità di funzionamento

Spiegazione sistema RFID


E' possibile scaricare le applicazioni da smartphone andando su Samsung APPS e cercare (scrivendo esattamente come è scritto) QRCodeSpeeck e NFC2Speeck e inserire uno dei codici, il sistema scaricherà automaticamente l'App e la installerà.

Leggi la rassegna stampa: Legnano News

utilizzo QR code




Parabiago 3.0 beta

Percorre, fruire, condividere

Il patrimonio culturale sul tuo smartphone

Visita l'ecomuseoVisitare Parabiago da oggi è più facile con il progetto dell’Ecomuseo chiamato “Parabiago 3.0 - Percorrere, fruire, condividere il patrimonio culturale”, cofinanziato dalla Regione Lombardia. Attraverso internet e i moderni telefonini è possibile visitare la città e conoscerne il patrimonio culturale e naturale. Parabiago 3.0 consente ai residenti e ai visitatori di percorrere itinerari tematici, fruire meglio del patrimonio della città e partecipare contribuendo al miglioramento del sistema stesso.

3.0 sta ad indicare che il sistema è ispirato dal web 3.0 che affianca alla rete virtuale fatta di pagine, anche spazi tridimensionali da “percorrere” per trovare quello che cerchiamo.

A differenza di esperienze riferite a spazi virtuali come Second Life, Parabiago 3.0 si fonda sui luoghi reali che sono stati riconosciuti dai parabiaghesi come facenti parte del patrimonio della città. Come il web 2.0, Parabiago 3.0 sfrutta il blogging, i web services, la partecipazione e condivisione dei contenuti e i sistemi wikis.

Visita l'ecomuseo

“Il sistema è semplice” spiega il Vicesindaco Raffaele Cucchi, presidente del comitato politico dell’Ecomuseo parabiaghese, “abbiamo posizionato cartelli in circa 40 luoghi della città. Sul cartello c’è un codice “QR”. Si tratta di piccole figure composte da una serie di quadratini bianchi e neri disposti all’interno di un’area quadrata. Scattate una foto al codice con la fotocamera integrata nel telefono; il codice viene decriptato, trasformandosi in un link diretto ad una pagina web dove è possibile visionare o scaricare informazioni inerenti il luogo in cui vi trovate”.

Visita l'ecomuseo



























Il sistema vi guida anche alla scoperta di altri luoghi, attraverso mappe e alcuni itinerari tematici: “virgiliano”, “del Riale”, “del ‘700”.

Inoltre con la funzione “commenta e partecipa” ognuno può inviare impressioni, commenti, contributi scritti, foto, audio o video sul patrimonio culturale visitato.

Questa funzione serve sia per condividere le informazioni e migliorare il sistema, sia per effettuare eventuali segnalazioni direttamente all’Ecomuseo su varie tematiche (presenza di rifiuti, vandalismi, proposte di miglioramento ecc.).

“Il tutto è stato fatto in perfetto stile ecomuseale” continua Cucchi: “la scelta dei luoghi e dei contenuti (testi, foto e interviste) sono il frutto della partecipazione attiva della gente, compresi bambini delle scuole di Parabiago, ma anche giovani universitari e dell’Istituto Maggiolini che hanno realizzato le descrizioni e le audioguide in italiano, inglese e francese. Non saranno perfetti, ma certamente sono espressione della comunità. Il sistema inoltre si integra con altri progetti del Comune di Parabiago quali “Parabiago wi-fi” e il "Distretto Urbano del Commercio verso EXPO 2015”.


Brochure informativa

Non rimane quindi che impugnare uno smartphone e andare alla scoperta di Parabiago


CLICCA QUI SE USI UN PC


CLICCA QUI SOTTO SE USI UNO SMARTPHONE

Visita la città