Ecomuseo del Paesaggio

 Mappa interattiva della ComunitÓ di Parabiago

In esecuzione:
Cincia nel parco del Roccolo
(Giugno 2003)


Per approfondimenti



pagine correlate:

- Villapia



Tutti i testi di questa pagina sono disponibili nel rispetto dei termini della GNU Free Documentation License.
Mappa: (C) 2007 Patrizio Croci

Chiesa di S. Anna  (1938)



La Chiesa di Sant'Annaubicata in frazione Villapia di Parabiago, Ŕ situata in piazza Risorgimento, proprio nel centro della frazione.

Tiracoda, antico nome della frazione, ebbe la sua prima Chiesa nel 1739, all'epoca del parroco di Villastanza Don Francesco Bialino (1707 - 1748). La frazione infatti Ŕ sotto la Parrocchia di Villastanza. Tempio di proprietÓ privata (famiglia Bossi), venne costruita ad opera e spese dei pochi abitanti del "villaggio" e benedetta sotto il nome di Chiesa di Sant'Anna a lavori ancora incompiuti, dal Prevosto di Legnano Don Carlo Rognoni.

Pass˛ due volte di proprietÓ, acquistata nel 1827 da Paolo Battaglia e nel 1913 da Gaetano Bianchi, nel 1842 venne dotata di un nuovo altare. Ma verso la fine degli anni '20 del XX secolo, l'aumento della popolazione a quasi 400 abitanti, che ovviamente cominciarono a divenire troppi per la capienza della Chiesina, spinse il Parroco "villastanzese" Don Edoardo Ripamonti, a guidare la volontÓ dei "tiracodini" nell'edificare un nuovo luogo di culto.

In data 29 marzo 1937 il Prevosto parabiaghese Don Elia Balzarini, benedisse la posa della prima pietra per l'edificazione della nuova chiesetta, progettata dall'ingegnere rhodense Siro Magnaghi ed ancora costruita a spese e forze degli abitanti, come accadde per quella vecchia due secoli prima. Durante la cerimonia di consacrazione, avvenuta il 26 maggio 1938, il Cardinale Ildefonso Schuster propose il cambio di nome della frazione; quindi in data 2 dicembre 1940 il Decreto Reale numero 1858 autorizzava il Comune di Parabiago a mutare la denominazione da Tiracoda a Villapia, per due principali motivi: in onore a Papa Pio XI ed in riconoscimento della "pia" opera dei fedeli che hanno collaborato alla sua edificazione.

Un'altra proposta del Cardinale Schuster fu attuata subito dopo. In via Casorezzo, adiacente all'attuale piazza Risorgimento, sul muro esterno di una casa privata era allora presente un affresco di etÓ ed autore ignoti, rappresentante "San Carlo Borromeo in venerazione della Beata Vergine Addolorata di Rho", Sua Eminenza volle che l'opera venisse spostata all'interno della nuova chiesina. Dunque Adele Levato ne inizi˛ lo strappo l'11 settembre 1942, posandolo sulla parete a sinistra dell'altare, con sottostante un'iscrizione dettata dal Cardinale. Altri affreschi presenti sono invece opera del pittore arlunese Paolo Bellegotti.



(tratto da Wikipedia)